Acerca de

“A nove persone su dieci piace il cioccolato, la decima mente. Questa citazione dell'autore John Tullius si sposa perfettamente con l'evento Chocolateweek avvenuto a bordo di Costa Toscana. Sette giorni di fantastiche esperienze sul cioccolato presentate da sette pasticceri pluripremiati in alto mare. La crociera è stata un grande successo!

Gourmet Cruise Chocolate Week: un catalogo di peccati come un fantastico concetto di indulgenza! 

Il buon cibo e una crociera vanno semplicemente d'accordo! Con la crociera gourmet Chocolate Week, i due iniziatori, Riccardo Bellaera e Alberto Simionato , hanno reso la crociera nel Mediterraneo un'esperienza culinaria speciale: pasticceri di fama mondiale e pluripremiati provenienti da Italia, Spagna, Francia e Germania sono stati invitati a bordo di Costa Toscana. Mentre sperimentiamo una crociera nel Mediterraneo occidentale, godiamo dell'arte pasticcera internazionale e raffinata con il miglior cioccolato a bordo.

Il quadro tematico della crociera gourmet si forma con una strizzatina d'occhio di Riccardo e Alberto: “I sette peccati capitali"! Brama di peccati dolci e allettanti - chi non li ha? Per centinaia di anni, un catalogo di peccati è stato sviluppato, perfezionato e testato - e alla fine fissato su sette: orgoglio, avidità, lussuria, rabbia, gola, invidia e pigrizia. Per ogni peccato, ci aspettava un dessert che lo rappresentasse a pieno. Per me è un onore e un piacere speciale conoscere personalmente i Maestri e poter assaggiare i loro dolci, che sono stati appositamente composti per questa crociera.

IMG_3492.jpeg
Riccardo Bellaera: Lussuria – Lussuria

Dessert al cioccolato fondente con sentori di menta e caffè 

La crociera gourmet inizia con il dolce del Maestro Riccardo Bellaera: Lussuria (lussuria) battezzò la sua opera d'arte di cioccolato. Questo è un pezzo di felicità e pura dolce seduzione al cucchiaio. Mentre i suoi dessert sono per lo più semplici e aggraziati nel design, Lussuria non è solo un'esplosione di gusto ma anche un'esplosione ottica nel piatto. La World Pastry Star gioca armoniosamente con gli ingredienti, unendo la morbida crema agli aromi di caffè e croccanti rocce di cioccolato. Sentori di menta abbinati ad una sponge al cioccolato fanno ballare la lingua con sapori dolci e pepati in bocca. Lussuria merita il suo nome, ha un sapore celestiale e seducente, come il sud Italia. Se vuoi provare tu stesso questa creazione a casa, puoi trovare la ricetta in tedesco sul Magazine Gourmet Travel Costa o in Italiano  sito del Maestro.

matteo_cavalleri_choclate_academy_milano_lussuria3-scaled.jpeg

Lussuria – la voglia di seduzione e di cioccolato – il Maestro Riccardo Bellaera inizia con questo dolce la Settimana del Cioccolato. Fotocredits: Chocolate Academy Milano, Matteo Cavalleri

matteo_cavalleri_choclate_academy_milano_lussuria2-scaled.jpeg

Fotocredits: Chocolate Academy Milano, Matteo Cavalleri

Quando gli viene chiesto quale sia il suo dolce preferito, il Maestro risponde sorridendo: “Quello che non ho ancora inventato!”. La curiosità è il suo motore della creatività, “… ecco perché: ‘’sono costantemente alla ricerca di nuove tecniche che mi permettano di trasmettere emozioni attraverso l'estetica e il gusto, dai dolci della tradizione alle creazioni più innovative, rispettando le materie prime e la loro qualità."

Riccardo è un perfezionista, in costante sviluppo di nuove creazioni. In ogni suo dessert puoi sentire la passione del siciliano e assaporare i profumi delle sue speciali invenzioni. I suoi dolci brillano come gioielli, sono opere d'arti nei piatti e coronano perfettamente la fine di una fantastica cena su Costa Crociere. Tutti i suoi dolci sono caratterizzati da creatività e da un ottimo equilibrio tra croccantezza, dolcezza e acidità. Bellaera è stato premiato due volte a Luxury Pastry in the world , ha vinto l'ambito trofeo SIGEP e ha ricevuto il premio World Pastry Stars.
Il siciliano inizia la sua avventura nel mondo della pasticceria all'età di 14 anni quando, in cerca di lavoro, viene magicamente attratto dal profumo seducente di pane proveniente da una panetteria. Questa "visita di prova" ha portato al giovane Riccardo il suo primo lavoro. Ha iniziato la sua carriera in una delle pasticcerie più antiche e famose del suo paese, la “Pasticceria Bonomoˮ. L'adolescente ha imparato molto e, in giovane età, ha acquisito conoscenze speciali per la preparazione di dolci tipici siciliani con influenze arabe. In Italia e nel mondo, Bellaera ha collaborato con diverse pasticcerie per approfondire la sua conoscenza dell'arte della panificazione. Il World Pastry Star di oggi ha conseguito un altissimo livello di qualificazione che gli ha permesso di lavorare con maestri famosi come il Maestro di Cioccolateria Berardi e i Maestri di gelateria Angelo Grasso e Luciano Ferrari. La svolta della sua vita è stata l'incontro con il maestro pasticcere Iginio Massari nel 1997. Impressionato dalla sua maestria e talento, "il maestro dei maestri" ha offerto a Riccardo Bellaera di lavorare nella sua pasticceria a Brescia, dove ha incoraggiato e plasmato le sue capacità. Ancora oggi, i due uomini condividono l'amore e la passione per la cultura della panificazione e, soprattutto, una profonda amicizia.

Oggi Riccardo Bellaera è da 10 anni Corporate Pastry & Bakery Manager di Costa e, con la sua competenza e creatività, gestisce oltre 440 dipendenti (220 addetti alla pasticceria, 160 alla panetteria e 60 alla pizzeria). Il risultato sono dolci e torte che non hanno eguali per estetica e gusto.

ricccardo_bellaera_costa_chocolateweek-00398.jpeg
IMG_3493.jpeg
Carmelo Sciampagna: Rabbia - Ira

Dolce con arachidi, mascarpone e cioccolato al caramello

Per arrivare al dolce, col cucchiaio picchio leggermente sulla copertura di cioccolato creata appositamente nella cucina di bordo di Riccardo Bellaera utilizzando le ultime tecnologie presenti. Quando visitiamo il laboratorio nel pomeriggio e diamo uno sguardo dietro le quinte, possiamo renderci conto di quanta tecnologia sia presente e allo stesso tempo quanto amore e maestria evocano i dolci a bordo della Costa Toscana

Non devi arrabbiarti qui se vuoi intraprendere l'esperienza del gusto di Carmelo Sciampagna . La copertura di cioccolato si rompe facilmente e cade nel dessert sottostante. Se è nota la combinazione di arachidi, cioccolato e caramello, il Maestro ha creato una nuova variante con questo dolce dei sette peccati capitali.
Coloro che vogliono godersi di più i suoi ‘’peccati’’ di cioccolato, possono andare a Palermo; Carmelo è nato qui e ha la sua Sciampagna Pasticceria dal 2011. Prima di realizzare il sogno della sua pasticceria nel suo paese d'origine, il 44enne ha viaggiato in tutto il mondo, lavorando per importanti hotel in Malesia, Thailandia, Brasile, Messico, Repubblica Dominicana e Spagna. Simile al maestro Riccardo Bellaera, ha imparato molto alla scuola Cast Alimenti di Brescia e chiama il maestro Iginio Massari suo compagno. Dal 2007 ha partecipato a molti campionati e ha vinto molti premi nel panorama dei dessert. Con la sua Pasticceria , ad esempio, dal 2018 è stato premiato dal Gambero Rosso “tre torte” come una delle migliori pasticcerie d'Italia , tre torte è il più alto riconoscimento assegnato dal Gambero Rosso

matteo_cavalleri_choclate_academy_milano_ira3-scaled.jpeg

Fotocredits: Chocolate Academy Milano, Matteo Cavalleri

matteo_cavalleri_choclate_academy_milano_ira2-scaled.jpeg

Fotocredits: Chocolate Academy Milano, Matteo Cavalleri

IMG_3494.jpeg
Antonia Arera Majunke: Envy - Invidia

Meringa al lampone, cioccolato ruby e composta al ribes nero 

Adoro il cioccolato ruby! Non lo sai? Devi provarlo! Ruby è un'esperienza di gusto insolita. Ho imparato di più su questa varietà speciale in un workshop con Riccardo Bellaera nel Costa-FoodLAB , perché il maestro usa solo il meglio per i suoi squisiti dessert a bordo delle navi da crociera Costa. I prodotti dell'azienda belga Callebaut sono tra i cioccolatini più pregiati al mondo per i quali vengono utilizzati solo i migliori ingredienti e miscele di fave di cacao di prima classe. Il nuovo tipo di cioccolato “Ruby” è una speciale fava di cacao che cresce in Brasile, Ecuador, Ghana e Costa d'Avorio. L'origine non è la cosa straordinaria, ma lo è il colore e il gusto. Ruby è un tipo di cioccolato completamente nuovo, insieme al cioccolato fondente, latte e bianco. Sebbene possa sembrare che il cioccolato bianco sia stato colorato artificialmente, Callebaut ha inventato un'innovazione con Ruby. Ruby Chocolate è naturale senza additivi artificiali, con un segreto ben custodito, Callebaut arrostisce e fermenta le fave di cacao Ruby, creando un'eccellente materia prima che gli artisti del dessert amano e usano per evocare grandi cose. Il cioccolato Ruby ha un profumo intenso e si sposa perfettamente con una nota leggermente acidula. È paragonabile a un gusto morbido di lampone. Con il colore sorprendente e questo gusto fruttato, Ruby è davvero un'esperienza visiva e culinaria! Ed è proprio su questi aromi che si concentra Antonia Arera Majunke nel suo dessert Chocolateweek. Abbina il cioccolato ruby alla meringa di lampone e composta di ribes nero. 

La pasticceria significa sempre passione per Antonia. Per lei, il dessert trasmette sempre piacere per il cuore e l'anima e alla nativa di Colonia piace il fatto che il gusto colleghi i sentimenti dell'infanzia e possa creare nuovi ricordi. Antonia cerca di procurarsi prodotti locali quando possibile, rispettando le stagionalità e l'ambiente. Per lei il cioccolato deve sempre avere un ruolo fondamentale. A 14 anni sapeva già di voler iniziare una carriera nel dolce mondo del cioccolato. Dopo aver completato la sua formazione professionale in una pasticceria tradizionale in Germania, ha lavorato sia in hotel che in ristoranti stellati Michelin ed è andata all'estero per completare la sua formazione presso la rinomata Ecole Internationale de Pâtisserie Olivier Bajard a Perpignan. Nel 2012 ha aperto la sua pasticceria, votata da Feinschmecker Magazin come una delle migliori pasticcerie della Germania . Ha co-scritto tre libri di pasticceria e di cucina, uno dei quali ha vinto la medaglia d'oro agli International Cook Book Awards nel 2014. Dal 2018 Antonia dirige la Cologne Chocolate Academy a Barry Callebaut.

matteo_cavalleri_choclate_academy_milano_invidia3-scaled.jpeg

Fotocredits: Chocolate Academy Milano, Matteo Cavalleri

antonia_majunke_chocolateweek-00194.jpeg
IMG_3495.jpeg
Ramon Morató: Pigrizia – Accidia

Un dolce da sogno con basilico, limone e cioccolato bianco

La creazione dello spagnolo Ramon Morató ha meno a che fare con la pigrizia. Il pasticcere gioca in modo creativo con limone e basilico. Se questi ingredienti dominano il gusto, il maestro riesce a far risaltare i fini aromi del cioccolato bianco nel suo dolce. Ramon abbina una leggera base di biscotto al basilico con una gelatina di limone, mousse al cioccolato bianco e olio d'oliva e guarnisce il dolce con una ganache al cioccolato bianco e una decorazione in cioccolato, realizzata con il giocattolo preferito del Maestro Bellaera: la Chef Cut.

La curiosità è ciò che lo guida, mi dice Ramon. “Ho ancora la stessa curiosità di quando ho iniziato. Sono ispirato dalla natura, dal design, dall'arte e da tutte le cose belle che ci circondano e amo fare progetti con persone di altre discipline da cui imparo e che mi ispirano". Dopo aver completato la sua formazione, Ramon Morató si è allenato con i migliori pasticceri spagnoli. Ha frequentato l' Accademia di pasticceria ZDS di Solingen e la Richard Conseil School di Lione. Il suo libro Ramon Morató Chocolate è stato riconosciuto come il miglior libro di cucina al mondo sul cioccolato nel 2007. Con Quattro in uno , l'amante del cioccolato ha pubblicato un altro libro e ha pubblicato il suo terzo libro FILES qualche mese fa. Ora insegna la sua conoscenza delle materie prime in tutto il mondo.

matteo_cavalleri_choclate_academy_milano_assidia2-scaled.jpeg

Fotocredits: Chocolate Academy Milano, Matteo Cavalleri

_CAV3835.jpeg

Fotocredits: Chocolate Academy Milano, Matteo Cavalleri

IMG_3496.jpeg
Alberto Simionato: Avidità - Avarizia

Voglia di cioccolato fondente? Il suo dolce: nocciole, pasta di cacao e cioccolato fondente

“Il cioccolato è la seconda parola che i bambini imparano dopo mamma !” mi spiega Alberto Simionato con una strizzatina d'occhio. Se il padre di famiglia parli per esperienza, non posso dirlo. Ma c'è qualcosa nella sua saggezza: tutti noi amiamo il cioccolato fin da bambini. Per il direttore della Chocolate Academy Milano era chiaro fin dall'inizio che voleva farsi strada nel mondo del cioccolato. Ha iniziato la sua carriera in panetterie e gelaterie. Tra gli altri, Ramon Moratò fu il suo maestro. Alberto ama l'originale, gli piace usare solo tre ingredienti principali nei suoi dessert e, il cioccolato fondente è il suo preferito. “Davvero conosciamo ancora il cioccolato vero e buono?” mi chiede, spiegando che i prodotti nei supermercati e nelle catene di panetterie sono per lo più cacao in polvere e non vero cioccolato. Nonostante sia tornata la tendenza verso l'uso del vero e del buon cioccolato, ma di solito, come purtroppo spesso accade nel settore alimentare, c'è ancora molta strada da fare. "La vita è spesso veloce e stressante!" Filosofo con Alberto "...ma la cosa veramente bella è prendersi il proprio tempo con amici e famiglia e goderselo lentamente e non consumarlo così tanto...", mi dice. In linea con le sue preferenze, crea il suo dolce sulla Costa Toscana durante la "Settimana del cioccolato sui 7 vizi capitali" con cioccolato fondente e singole componenti di cioccolato: financier alla nocciola, biscotto Carafin, purea di cacao e nocciole e mousse al cioccolato 65% Madiofolo del Madagascar settentrionale. Quando la sera assaggio il suo dolce, sento che il cioccolato non è cioccolato. La selezione di cioccolato di Alberto è fruttata con un gusto leggermente acidulo e ha un sapore delizioso!

_CAV4936.jpeg

Fotocredits: Chocolate Academy Milano, Matteo Cavalleri

bellaera_maestro_chocolate3.jpeg

Fotocredits: Chocolate Academy Milano, Matteo Cavalleri

IMG_3497.jpeg
Philippe Bertrand: superbia - Superbia

Peccato del dolce celestiale: lampone e cioccolato fondente Madirofolo 65%.

La sua filosofia: "È importante continuare a reinventarsi e contribuire così a plasmare le tendenze di domani". Se sfogli l'account Instagram di Philippe Bertrand , puoi sentire e vedere la creatività del maestro francese. Ogni dessert mira alla perfezione visiva, seduce con creazioni di sapori sorprendenti. Philippe dirige la French Chocolate Academy ed è una forza nel mondo della pasticceria da oltre 30 anni. Lui è Meilleur Ouvrier de France (MOF), un premio che Paul Bocuse ha portato con orgoglio per tutta la sua vita. L'ambito titolo viene assegnato solo ogni quattro anni in Francia come il più alto riconoscimento per l'artigianato speciale. Il simpatico cioccolatiere è al centro della scena gourmet di tutto il mondo. In quanto esperto nel suo campo, partecipa spesso a programmi televisivi e radiofonici, scrive della sua esperienza su riviste specializzate ed è coautore di numerosi libri. Ho l'onore di frequentare con lui un workshop al FoodLAB di bordo mentre Antonia Arera Majunke prepara i biscotti al cioccolato Ruby. Ridendo, il pasticcere afferra lui stesso la frusta e spiega i suoi consigli e il modo giusto per maneggiare il cioccolato in modo travolgente e rinfrescante.
Anche la sua invenzione di dessert per la Settimana del cioccolato sulla Costa Toscana è a base di cioccolato Madirofolo del Madagascar al 65%. Philippe combina biscotto al cacao, ganache fondente, gelatina di lamponi e mousse al cioccolato fondente. Un fantastico abbinamento in armonia con il cioccolato Madirfolo. Ha un sapore leggermente amarognolo, ha un alto contenuto di cacao e allo stesso tempo trasmette una nota fruttata agrumata. Questo peccato di dessert si è rivelato anche il coronamento della cena a bordo della Costa: un piacere fantastico!

_CAV5090.jpeg

Fotocredits: Chocolate Academy Milano, Matteo Cavalleri

matteo_cavalleri_choclate_academy_milano_superba-scaled.jpeg

Fotocredits: Chocolate Academy Milano, Matteo Cavalleri

e9f271b8-912c-4e84-b059-6a17bc31b430.JPG
IMG_3498.JPG
Loretta Fanella: Gola – Gola

Peccaminoso abbinamento di dessert: mousse alla nocciola, frutto della passione e cioccolato caramellato

Loretta Fanella ha maturato un'esperienza pluriennale come chef pasticcera nelle cucine stellate di Cracco, Ferran Adrià e Pinchiorri. Nel 2019 realizza il suo sogno e apre il proprio studio a Livorno. Con molta creatività, crea i suoi dolci e i migliori pasticcini. Lavora anche come formatrice per scuole di pasticceria (come Cast Alimenti e Alma) ed è una nota consulente per ristoranti, pasticcerie e hotel. La loro accademia con corsi estesi è molto popolare.
Loretta ci regala a modo suo una fantastica conclusione della Settimana del Cioccolato: mousse alla nocciola, inserto al frutto della passione e cioccolato al caramello creano un fuoco d'artificio di aromi al palato. Inoltre, croccanti elementi di biscotto e morbida mousse di nocciole in combinazione creano un'esperienza culinaria unica. La ganache al caramello e frutto della passione  forniscono al dessert una semplice cornice visiva, ma scatenano una tempesta di entusiasmo quando lo si gode.

matteo_cavalleri_choclate_academy_milano_loretta-scaled.jpeg

Fotocredits: Chocolate Academy Milano, Matteo Cavalleri

lauretta_chocolateweek-00252.jpeg
bellaera_maestro_chocolate5.jpeg

Fotocredits: Chocolate Academy Milano, Matteo Cavalleri

Il piacere del gelato al cioccolato: l'Italia non è mai senza gelato

Naturalmente, il gelato non dovrebbe mancare in un viaggio culinario con una compagnia di navigazione italiana! Oltre ai dolci insoliti della Settimana del cioccolato dei pasticceri, si è svolta una degustazione di gelato che ha accompagnato lo spettacolo quotidiano dell'evento, ha offerto esperienze di gusto varie e insolite. La gamma di gusti era varia. Ricette dall'aspetto classico come "Cioccolato fondente belga con caffè e mascapone" hanno un sapore diverso dai gusti di gelato convenzionali. I miei punti salienti: Stracciatella al cioccolato rubino con limone era rinfrescante e deliziosa. Il gelato alla stracciatella al caramello con arachidi, liquirizia e limone aveva un sapore roboante! Una combinazione di sapori incredibilmente buoni che non avevo mai provato prima. 

gelato_chocolateweek-scaled.jpeg

Fotocredits: Chocolate Academy Milano, Matteo Cavalleri

ricccardo_bellaera_cista_chocolateweek-09726.jpeg
Gli iniziatori della Chocoloateweek: Riccardo Bellaera e Alberto Simionato

Riccardo Bellaera , Executive Pastry Chef di Costa, e Alberto Simionato sono amici da anni e amano l'ottimo cioccolato. Le tendenze alimentari e soprattutto una qualità particolarmente buona degli ingredienti sono molto importanti per entrambi. Al fine di fornire spunti dietro le quinte della cucina dolce creativa e allo stesso tempo consentire agli amanti del cioccolato di scambiare idee con pasticcieri di livello mondiale, i due hanno ideato l'evento e la crociera gourmet Chocolateweek. A Chocolateweek, Alberto ha anche riconosciuto a Bellaera il suo impegno nel diffondere l'eccellenza e la cultura del cioccolato in Italia e nel mondo.
Non è ancora certo se la Chocolate Week si ripeterà l'anno prossimo. In cambio, puoi gustare i dolci preparati da Riccardo e dal suo team ogni sera a bordo di tutte le navi da crociera, ognuno un'opera d'arte e un dolce peccato in sé!
Inoltre, l'impegnativa World Pastry Star non solo sviluppa nuovi sogni e innovazioni in cucina, ma è anche costantemente al lavoro su nuovi progetti ed eventi : tra pochi giorni, ad esempio, ci sarà una nuova edizione dell'evento del panettone sulla Costa Toscana e sarà ancora una volta sulla strada del successo internazionale.

bellaera_maestro_chocolate.jpeg

Fotocredits: Chocolate Academy Milano, Matteo Cavalleri

bellaera_maestro_chocolate4.jpeg

Fotocredits: Chocolate Academy Milano, Matteo Cavalleri

ricccardo_bellaera_cista_chocolateweek-00115.jpeg

Crociera gourmet Costa Chocolateweek

riccardo_bellaera_chocolateweek-09707-1536x1024.jpeg

Contact Me

Thanks for submitting!